Archivi tag: costo della politica

Riduzione dei costi della politica e del costo della burocrazia regionale

Cari Elettori,

un punto cardine della nostra campagna elettorale è quello della riduzione dei costi della politica e dei costi della burocrazia regionale.

Innanzitutto bisogna informare chiaramente i cittadini di quali cifre stiamo parlando: lo stipendio del deputato regionale è equiparato a quello dei senatori; esiste un rimborso per i gruppi parlamentari pari a 6700 Euro per ogni iscritto; benefit che vanno dall’auto blu al parrucchiere gratis.

Che lo stipendio di un deputato debba essere adeguato alla sua funzione è fuor di dubbio.

Qui bisogna fare una proposta concreta e condivisa da tutte le forze politiche.

La mia opinione è che con 6000 Euro “all inclusive” si possa vivere più che dignitosamente.

Un altro punto da analizzare è quello dei cosidetti “enti inutili”: una volta insediato il nuovo parlamento, bisognerebbe pretendere un rapporto dettagliato di tutti questi enti: qual’è la loro funzione, utilità, costi.

Una volta individuati i rami secchi, procedere senza indugi a tagli e accorpamenti, con l’eliminazione di centinaia di cariche dirigenziali che sono solamente uno spreco di danaro pubblico diretto ai soliti noti e che viene sottratto alla collettività.

Per finire, una misura per diminuire il costo del personale della Regione: Istituzione del „conto ore“.

Se la settimana lavorativa è di 40 ore, le ore lavorate in più non verranno retribuite come straordinario, ma messe in questo conto, dal quale l’impiegato potrà attingere in periodo di più scarso lavoro o per fini privati.
In tal modo si avranno meno costi, più flessibilità e alla lunga uno staff più produttivo e meno incline alla malattia, poichè ha più occasioni per rigenerarsi.

Inoltre, si può verificare se sia possibile la riduzione volontaria delle ore lavorate: immaginiamo la combinazione di marito e moglie che lavorano full time, dove un partner potrebbe lavorare solo 4 ore al giorno e dedicare più tempo alla famiglia.

Tutta o gran parte della somma risparmiata dovrebbe essere messa in un fondo vincolato per investimenti, dove tutti i movimenti debbano essere tracciabili su internet.