Ecofont: il font con i buchi

ecofont1

Se state leggendo questo post, probabilmente possedete un PC.

Se possedete un PC, probabilmente avete anche una stampante.

Se avete una stampante, ogni tanto stamperete qualche testo, consumando carta e soprattutto inchiostro, che oltre ad essere molto inquinante, è particolarmente costoso.

La Spranq, un’agenzia di comunicazione olandese, ha creato un font ecologico (Ecofont), che non è altro che un set di caratteri bucherellati.

Pur mantenendo una ottima intelleggibilità dello scritto, si risparmia circa il 20% di inchiostro o toner sui testi stampati.

Il font è gratuito e può essere scaricato da qui

A caval donato…

Annunci

Verso il disastro con allegria

Gli economisti guardano con preoccupazione al debito pubblico italiano, ma possiamo consolarci con la consapevolezza che c’è qualcuno che se la passa peggio di noi.

Per esempio lo Zimbabwe, che vanta un tasso di inflazione del 231.000.000% (non è un errore: sono 231 milioni!).

Tanto è vero che nella confinante repubblica del Sud Africa un lettore di Freakonomics ha fotografato questo cartello:

Non buttare dollari zimbabwesi nel gabinetto

Non buttare dollari zimbabwesi nel gabinetto

Il gestore del locale invita a utilizzare solo carta igienica: niente carta, cartone, stoffa, giornali o dollari Zimbabwesi.

A conti fatti ha ragione, perchè uno strappo di carta igienica vale 4 millesimi di dollaro, che equivalgono quasi a 4000 dollari zimbabwesi. Quindi utilizzando banconote da 1000 dollari Zimbabwesi, si risparmia parecchio!

Chissà come sarebbe finita la Lira senza l’Euro…

—————————————————————————-

Il crollo delle borse ha decimato non solo la ricchezza attuale, ma messo a repentaglio il futuro dei fondi pensione.

Negli USA, dove da sempre esiste la previdenza integrativa, è stato visto questo cartello:

Il tuo fondo pensione per una zuppa

Il tuo fondo pensione per una zuppa calda

L’offerta è appetitosa: “riscatta il tuo fondo pensione per una zuppa calda. Offerta limitata”

Boicottiamo il Corriere della Sera

Cari Bloggers,

la libertà di informazione in Italia è da anni in coma profondo e non passa settimana dove non ci sia un evento, un atto, una proposta di legge, una minaccia, una querela, un trasferimento ad altra sede che pezzo per pezzo, cancella il nostro diritto di sapere.

L’ultimo episodio di questa vergognosa spirale al ribasso è l’esonero del giornalista Carlo Vulpio da parte del Corriere della Sera.

Carlo Vulpio è il giornalista che ha seguito le vicende giudiziarie riguardanti la procura di Catanzaro (meglio noto come “caso De Magistris”), raccontando con dovizia di nomi e particolari una delle innumerevoli storie del malaffare italiano, dove si mescolano e si confondono politica, criminalità organizzata, magistratura corrotta e massoneria.

Purtroppo l’affare è troppo grosso e i nomi dei personaggi coinvolti troppo importanti; piuttosto che fare chiarezza e pulizia, si caccia il magistrato che indaga (De Magistris) e si cerca in ogni modo di depistare le indagini.

Ma questo non basta ed è necessario tappare la bocca anche  a chi racconta il fattaccio.

Ai tempi antichi, la mafia uccideva e lasciava delle pietre nella bocca del cadavere di chi aveva parlato troppo.

Adesso basta la telefonata del direttore che ti esonera dall’incarico, nonostante dei risultati eccellenti, senza giustificazione e senza motivo.

E quando un direttore ti licenzia senza motivo, un motivo c’è.

Pertanto vi invito a leggere e linkare il sito di Carlo Vulpio e boicottare il Corriere della Sera fino a quando il direttore Carlo Mieli non ritorni sui suoi passi.

La prossima bolla: il litio

Premesso che:

  1. non sono un esperto
  2. ognuno investe i propri soldi secondo scienza e coscienza
  3. ognuno dovrebbe investire solo i soldi che non gli servono
  4. il presente post non è un invito ad investire ma solo una riflessione personale

Oggi voglio esercitarmi nella previsione di uno scenario economico-scientifico-finanziario che dovrebbe avvenire entro il 2010.

La storia della Borsa ci insegna che l’andamento degli indici è periodicamente caratterizzato da fasi di euforia e di depressione.

Le fasi di euforia sono dovute alla fede cieca nella moda del momento, che nella fase finale viene alimentata esclusivamente dal parco buoi.

Quando la bolla esplode, è sempre il parco buoi a subire le conseguenze più pesanti, ma passata la tempesta, altro giro altra corsa.

Adesso ci troviamo nella fase del disastro dove si vedono solo macerie, distruzione e morte.

Ancora il mercato non è stato depurato da tutte le scorie radioattive (vedi il comparto auto U.S.A e il settore delle carte di credito), ma adesso è il momento di prepararci per il prossimo giro, cercando di prevedere quello che sarà il prossimo cavallo di battaglia.

Una cosa è certa: il settore automobilistico è alle corde e in un momento storico dove i mercati occidentali sono saturi, l’unico cambiamento che può dare una scossa al mercato dell’auto è il passaggio dal motore a scoppio a quello elettrico, passando dalla fase intermedia dell’ibrido.

Quasi tutte le case automobilistiche hanno nel cassetto dei modelli ibridi che entreranno sul mercato nel 2009/2010.

Ogni casa automobilistica ha delle partnership pluriennali con le aziende produttrici di batterie e anche se ancora non ci è dato sapere quale azienda prevarrà sulle altre, una cosa è certa: almeno per i prossimi 5 anni, le batterie utilizzate nel settore automobilistico saranno basate sul litio.

Questo metallo alcalino è alla base di tutte le batterie ricaricabili moderne: cellulari computer portatili, macchine fotografiche, Ipod, etc.

Attualmente il rapporto tra domanda e offerta è equilibrato, ma già ci sono i primi segni premonitori che qualcosa sta cambiando: la SQM (Sociedad Quimica Minera de Chile), che da sola produce un terzo del litio a livello mondiale, ha di recente aumentato il prezzo del 25%.

Cosa succederà nel momento in cui entreranno in commercio le automobili che necessitano di batterie al litio?

Mentre una batteria di un cellulare pesa pochi grammi e quella di un laptop qualche centinaio di grammi, la batteria al litio di un ibrido leggero come la prossima Mercedes S 400 Blue Hybrid peserà 10 Kg.

Nella Smart elettrica siamo a 130 Kg.

E il battery pack della prossima GM Volt (ammesso che la GM sopravviva), ben 180 Kg.

Queste cifre lasciano presagire che nel momento in cui inizierà “l’elettrificazione” dell’automobile, ci sarà un aumento esponenziale della richiesta di batterie al litio e di conseguenza, del litio stesso.

E come ogni moda che si rispetti, tutti i media parleranno della scarsità di questo minerale, dei profitti stratosferici che i produttori incassano e di fortune fatte da chi ha investito in questo settore.

A questo punto, la trappola per il parco buoi sarà pronta e non ci resterà attendere che anche l’ennesima bolla scoppi.

Per riconoscere con buona approssimazione il momento in cui vendere, chiedere al vostro barista, barbiere o fruttivendolo di fiducia.

Ascoltate il loro consiglio e fate esattamente l’opposto!

Multa

Cari Bloggers,

una delle qualità leggendarie della Germania è il rispetto del codice della strada.

Al rosso ci si ferma, la pista ciclabile è per i ciclisti, le strisce pedonali sono sacre e si parcheggia solo nelle aree appositamente destinate allo scopo.

Purtroppo non ho rispettato l’ultimo punto e ho beccato una multa di 25 Euro.

Ma anche nella multa c’è un aspetto antropologico da analizzare: sul pizzino è spiegato con dettaglio cosa ho fatto, come, dove, a che ora e in che posizione erano le mie ruote, annotata tramite il rilevamento dell’angolo delle valvole dei pneumatici.

Questo serve a dimostrare l’infrazione nei casi di divieto di sosta o di parcheggio oltre l’orario consentito, dove la rilevazione viene fatta 2 volte nell’arco di 5 minuti.

Metti che qualcuno esce, fa il giro e riparcheggia nello stesso e identico punto (e quindi il tempo utile riparte da zero)…

La parte più bella è la nota riguardante l’eventuale ricorso: “Caro automobilista, se non sei d’accordo con questa multa, puoi visitarci nei nostri uffici dalle 8:30 alle 18:00, oppure inviarci una email a verkehrsueberwachung@stuttgart.de. Le sarà inviato un questionario dove potrà chiarire dettagliatamente la Sua posizione sul fatto contestato”

Fare un ricorso via email, senza raccomandate, senza avvocato, senza fare file…

Nel mio caso, visto che ho torto, pago tramite online banking, augurando alla multatrice 25 € di medicine contro il mal di pancia.

Terzo Mondo?

Cari Bloggers,

molti di voi conosceranno il commercio equo e solidale.

Per commercio “equo e solidale” si intende una forma di commercio che garantisce ai produttori dei Paesi sottosviluppati un salario minimo e il rispetto delle norme sulla sicurezza.

Questo per evitare delle forme di sfruttamento e permettere una vita dignitosa a persone altrimenti vittime di voraci commercianti che pur di massimizzare i profitti, non si fanno scrupoli a lasciare intere popolazioni nell’indigenza.

A San Francisco, la catena di cosmetici naturali “Body Shop” ha pubblicato questo manifesto, dove la ditta si pregia di acquistare l’estratto di bergamotto tramite il canale del commercio equo e solidale.

Da quale Paese del Terzo Mondo proviene l’estratto di bergamotto?
Quale popolazione usufruisce della protezione del “Community Trade”?

Burundi? Burkina Faso? Ghana? Guatemala? Bangladesh?

Leggete bene il manifesto!

fourthworld

Foto di Nick Turner

Landratsamt: l’assalto finale

Carissimi,

ieri è stato il grande giorno del battesimo della Twingo.

Dal punto di vista formale, bisognava trasferire la proprietà e reimmatricolare il veicolo nella mia provincia.

Mi avvio alle 10:30 e parcheggio un quarto d’ora dopo davanti al Landratsamt.

Entro e lo spettacolo che mi attende è meno incoraggiante del giorno precedente: la sala è piena e nel momento in cui prendo il biglietto, il display mi indica che ci sono 17 persone prima di me.

Mi siedo e leggo un giornale di cortesia (il Bild, versione cartacea di Studio Aperto).

La mia lettura viene disturbata dal continuo scampanellare del tabellone che indica i turni.

Guardo meglio e capisco il perchè: il Sabato, dato l’affollamento, ci sono 18 impiegati in 9 postazioni che smaltiscono la clientela.

Osservo meglio per capire il meccanismo: ogni sportello è gestito da 2 persone, dove la prima fa il “front office” e la seconda il “back office”, ossìa prepara materialmente i documenti.

Alle 11:01 è il mio turno. Saluto, squaderno il libretto di proprietà, quello di circolazione, il certificato del TÜV (collaudo tecnico) e il certificato AU (analisi gas di scarico), passaporto e il codice dell’assicurazione.

Digita il codice, compaiono tutti i miei dati, copia e incolla per il libretto e mi chiede se voglio una targa personalizzata. Aggiungendo € 10.50, posso scegliere la combinazione delle 2 lettere e 3 o 4 numeri finali.

Crepi l’avarizia: combino il mio nome con la mia data di nascita, che corrisponde anche alla data di acquisto dell’oggetto del desiderio.

Mi da la scheda per pagare il tutto; vado al terminale, pago € 40,50 con il bancomat, prendo la ricevuta e vado al negozio delle targhe. Le targhe costano € 16 (forse aveva sbagliato il giorno prima?) e ritorno all’ufficio, sportello “Ausgabe” (consegna).

Alle 11:14 minuti compare il mio numero (che è quello che ho utilizzato allo sportello precedente); le porgo le targhe, mi consegna i libretti (stampati ex-novo con i miei dati), mette i sigilli sulle targhe, mi fa firmare e mi augura un buon fine settimana.

Saluto, metto in saccoccia e auguro bene, salute, felicità e ricchezza a chiunque abbia contribuito a creare tale prodigio della burocrazia 😉