Acqua nel serbatoio

L’ingegnere tedesco Günther Kramb mescola gasolio e acqua.

La sua auto consuma e inquina meno.

Ha scoperto la ricetta della felicità?

Il problema è noto a tutti i costruttori: la combustione dei motori diesel è per “costituzione” più sporca rispetto ai motori a benzina. La tecnologia, attraverso sistemi sempre più sofisticati di iniezione e l’adozione di di filtri antiparticolato allo scarico, cerca di ovviare al problema.

Ma il dilemma resta aperto per i mezzi più anziani, soprattutto per autobus e camion.

E quindi c’è chi punta ad una combustione più pulita ed efficiente, mescolando acqua e gasolio.

L’invenzione di Kramb, già brevettata, in realtà non ha nulla di rivoluzionario: già durante la seconda guerra mondiale, venivano adottati sistemi di iniezione dell’acqua nella camera di combustione per raffreddare il motore e renderlo più efficiente.

Il principio di funzionamento è abbastanza semplice: nell’emulsione acqua-gasolio, ogni particella di diesel contiene una minuscola goccia di acqua, che alla temperatura di 2000° esplode. Questa microesplosione provoca una nebulizzazione del gasolio che così brucia molto meglio.

Il risultato, testato da diversi istituti tedeschi, è una riduzione del 71% di particolato, 19% degli ossidi di azoto, 3% meno CO² e 4% meno consumo. E calcolando la percentuale di acqua, che a seconda della temperatura del motore può arrivare al 20%, il risparmio potenziale è considerevole.

Purtroppo questa invenzione non è stata adottata dalle case automobilistiche, perchè l’impianto di Kramb richiede una tanica supplementare per l’acqua e un’operazione in più per l’utente finale.

Ma  l’arzillo 76enne non si da per vinto e punta al mercato delle flotte degli autobus, che hanno un  impianto centrale per il rifornimento dei mezzi e che sono molto interessati a tali economie di gestione nonchè a mantenere a lungo la loro flotta, che spesso non è più in regola con le nuove norme antiinquinamento.

Con un asso nella manica: non esiste il problema della stabilità dell’emulsione, perchè questa viene creata sul momento, prima dell’iniezione nella camera di combustione, grazie ad una pompa rotante che miscela acqua e gasolio.

Altro approccio ha seguito la Total-Fina.

La casa petrolifera francese sta portando sul mercato un prodotto già pronto all’uso: Aquazole (Aqua+Gazole), una emulsione acqua-gasolio già testata in numerose flotte di autobus urbani in Francia e in Germania, con ottimi risultati. L’emulsione viene mantenuta stabile grazie a degli additivi che consentono una durata di tre mesi. Lo svantaggio è che se viene miscelato gasolio puro, la stabilità dell’emulsione viene compromessa.

Quindi per adesso, la sperimentazione funziona solo con aziende che hanno impianti di rifornimento centralizzato.

Ma l’ultima parola spetta al ministro delle finanze: ancora non è chiaro se la componente di acqua verrà tassata come carburante o meno.

Annunci

4 risposte a “Acqua nel serbatoio

  1. Mentre la politica si interroga su quale infrastrutture puntare, alta velocità, ponte sulle stretto, raddoppio autostradale e quant’altro, si ricorda che l’85% delle merci nel nostro paese viaggia su gomma e i costi del trasporto incidono sul prodotto finale per un buon 10%.

    In poco più di un anno la CGIA di Mestre, ha calcolato che il pieno di gasolio di un Tir è aumentato di 141 euro, questo a seguito dei forti aumenti che si sono registrati alla pompa e che hanno visto aumentato il prezzo quasi a portarlo pari al costo della benzina.

    A fronte di questa situazione quasi sicuramente avremo ripercussioni negative anche sui prodotti che acquistiamo ogni giorno, quindi non si esclude che i consumatori si troveranno ad affrontare ulteriori aumenti non programmati sino a qualche mese fa.

    Tutte le proposte utili a diminuire il consumo del gasoli, sia acqua, sia gas, sia ferrovia, qualsiasi iniziativa va attenzionata.

    Il nostru futuro dipende principlamente anche da questo.

    http://www.giuseppegiustolisi.com

  2. Blochin ,complimenti tu stai sempre aggiornato….gasolio con acqua???, ci mantendrai informato della sperimentazione.
    Scusa se rido, ma qua in Venezuela la benzina costa 100bs , cioe’ circa 0,03 euro…il gasolio non so , la meta’ o credo lo regalano . Pero c’e una scarsa attenzione sanitaria, le macchine costano moltissimo e gli alimenti stanno in dubbio..ciao

  3. Pingback: Oggi su Rai2 leggete presto! - Pagina 4 - EnergeticAmbiente.it

  4. ho dei gruppi elettrogeni e li ho mandati per circa 3 ore con 30% di acqua naturale ed il restante ad olio vegetale senza problemi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...